Carabinieri per un Giorno Scolaresche in caserma - Area Locale News - Calabria
Area Locale News  
Scrivi alla redazione di Area Locale per richieste o suggerimenti Scrivi alla redazione di Area Locale per richieste o suggerimenti Scrivi alla redazione di Area Locale per richieste o suggerimenti 
 














 

  
 
Home >> 1° piano >> News
altre n e w s

In chiesa ci sono due altari col tarlo? Al restauro ci pensa il PD  

NoveMesi La prima copertina di Rosaria Tallarico  

Mesoraca Il debito comunale alla luce dei lampioni (troppi)  




__ f o r u m  __
 

Carabinieri per un Giorno Scolaresche in caserma


Carabiniere per un Giorno

La Compagnia dei carabinieri di Petilia Policastro (Crotone), guidata dal capitano Giorgio Mazzoli, si apre al territorio con la possibilità di una visita guidata per gli alunni delle scuole primarie della frazione di Pagliarelle e Filippa di Mesoraca.

Accompagnate delle rispettive insegnanti alle due classi quinte è stata offerta l’opportunità di trascorrere un’intera mattinata nei locali della Compagnia con la finalità di capire come trascorre una giornata tipo dei Carabinieri. All’interno di un più ampio progetto alla legalità, l’incontro con le due scolaresche nasce da un progetto avviato dal Ministero della Pubblica Istruzione in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri che, in un territorio difficile come quello della Compagnia di Petilia comprendente una decina di comuni da Caccuri a Mesoraca, ha ricevuto ottima accoglienza dal capitano Mazzoli e nei suoi collaboratori: una quarantina, fra appuntati e graduati, di Carabinieri che quotidianamente difendono la legalità a Petilia e nel suo comprensorio. “Nel corso degli ultimi anni – spiega con entusiasmo il capitano Mazzoli – sono già stati una quindicina gli incontri con le scolaresche di ogni ordine e grado che abbiamo realizzato nel nostro territorio di competenza”.

Carabiniere per un Giorno

Le motivazioni di questi incontri? “Siamo consapevoli – spiega, ancora, il Capitano – che molto spesso anche nelle nuove generazioni, particolarmente per le descrizioni di alcuni adulti, non sempre i Carabinieri sono visti con occhi positivi ed è molto importante che fin dalla giovane età i futuri cittadini capiscano che i Carabinieri sono dei cittadini come tutti gli altri, ma con un compito in più: quello di difendere la legalità e la sicurezza dei cittadini”.

Carabiniere per un Giorno

E’ stato l’entusiasmo il sentimento prevalente delle due classi nel corso della stessa mattinata che, davvero, ha consentito ai ragazzi ed ai Carabinieri di conoscersi e confrontarsi e scambiarsi, addirittura, alcuni doni. Se, infatti, a fine mattinata ai ragazzi partecipanti all’iniziativa sono stati rilasciati degli attestati ricordo; da segnalare la classe di Filippa che ha donato ai Carabinieri un cesto di pane casereccio ed alcuni dolci tipici della tradizione pasquale. Oltre alla visita guidata della stessa Compagnia, per spiegare le attività degli stessi Carabinieri, dopo l’accoglienza, sono stati portati in un locale dove era stata allestita la scena di un crimine e dove è stato spiegato loro l’avvio delle indagini. Altrettanto stimolante la visita delle autovetture in dotazione agli stessi Carabinieri che, almeno per una mattinata, hanno trasformato i ragazzi in altrettanti Carabinieri in erba per la gioia e l’emozione dei Carabinieri reali ben contenti di rispondere a tutti i quesiti loro esposti.

[Francesco Rizza]

[31.03.2011]

 

 

Carabiniere per un Giorno Scolaresche in caserma   Carabiniere per un Giorno Scolaresche in caserma   Carabiniere per un Giorno Scolaresche in caserma 

[fotografie]

articoli correlati




 Commenta  Segnala  Stampa

3968

Area Locale Forum

 

leggi le discussioni recenti nel forum